Vai al Contenuto

Considerazioni specifiche per tipo di disabilità

Ormai dal 2000 le persone con disabilità accedono alle certificazioni ECDL. Per le persone con disabilità visiva, uditiva, e motoria vi è una consolidata esperienza sulle corrette modalità di esecuzione degli esami, per i candidati con DSA è in corso dal 2012 una sperimentazione che ha dato buoni risultati. Per le disabilità cognitive (sindrome di Down, autismo, ritardo mentale, ecc…) fino ad ora le poche persone che hanno acceduto agli esami hanno avuto esiti quasi sempre negativi, ma in via sperimentale possono essere autorizzate modalità che permettano loro di dimostrare con obiettività le loro competenze nel rispetto delle procedure AICA.

Candidato con disabilità visiva.

Per persone non vedenti assolute solo la modalità manuale è possibile, essendo ATLAS totalmente inaccessibile agli screen reader che i candidati non vedenti  usano.

Candidato con disabilità uditiva

Nelle sessioni di esame dove è presente un candidato con disabilità uditiva  è consentita la presenza di un ‘Interprete della lingua dei segni’ (mediatore della comunicazione qualificato) ( Vedi Procedura AICA QA-ESA10 cap. 9 e sua Appendice 1).

Anche per questo occorre l’autorizzazione di ASPHI.

Candidato con disabilità motoria

Casi di disabilità motoria che richiedono attrezzature complesse come tastiere virtuali gestite in modi diversi, programmi di riconoscimento vocale o a scansione non possono essere risolti a priori dal Test Center che, piuttosto, può concedere al disabile di sostenere l’esame con il proprio PC opportunamente attrezzato, con l’autorizzazione di ASPHI.

Candidato con disabilità cognitiva lieve

Solo alcuni candidati disabili cognitivi con ritardo lieve riescono ad affrontare le certificazioni ECDL. Dalla nostra esperienza è preferibile partire dal proporre loro la certificazione e-Citizen (https://www.aicanet.it/e-citizen  ) e in seguito se i risultati sono molto buoni passare alla certificazione ECDL.

Candidato con Disturbi Specifici di Apprendimento

Il candidato disabile con DSA deve affrontare l’esame ECDL in autonomia. In particolare anche i candidati dislessici debbono affrontare l’esame senza persone che leggono loro le domande.

Nella nostra esperienza abbiamo verificato che le persone con DSA spesso raggiungono l’autonomia usando degli ausili che leggono con voce sintetizzata le frasi che loro selezionano. (Strumenti compensativi)

Consigliamo di consultare anche le seguenti pagine
Per chiarimenti o ulteriori informazioni compilare il modulo richiesta Informazioni.