Vai al Contenuto

Certificazioni informatiche per persone con disabilità/DSA

I candidati con disabilità/DSA hanno la possibilità di conseguire le certificazioni ICDL affrontando gli esami con una o più delle seguenti modalità:

Per poterne usufruire, il Test Center a cui il candidato si rivolge, deve inviare a Fondazione Asphi ASPHI (formazione@asphi.it) il modulo compilato dal candidato “QA-ESAMOD17”, completato dal Test Center nei campi “Codice Skills Card” e “Test Center presso il quale il candidato intende effettuare gli esami (indicare codice identificativo)” ed una copia di un documento di identità del candidato. (Se il candidato ha meno di 14 anni anche una copia di un documento di identità di chi firma il QA-ESAMOD17)

Il Test Center deve prendere visione e rispettare le regole descritte nella pagina Help desk per Test Center AICA

Descrizione delle diverse modalità con le quali un candidato disabile/DSA può affrontare l’esame:

Modalità automatica standard con ATLAS o AICE

(esempio persone paraplegiche che usano correttamente le mani). Con questa modalità non vi è bisogno di nessuna autorizzazione ma è necessario verificare che gli eventuali ausili usati dal candidato funzionino correttamente con ATLAS o AICE

Modalità automatica con tempo aggiuntivo con ATLAS o AICE

(esempio persone tetraplegiche che usano ausili HW che rallentano la scrittura, o persone con DSA che leggono con fatica).  Con questa modalità, è possibile concedere, oltre il tempo standard per la certificazione, un tempo extra pari a:
– 15 minuti in più rispetto al tempo standard per persone con una sola disabilità;
– 30 minuti in più rispetto al tempo standard per persone con più di una disabilità.
– 45 minuti in più rispetto al tempo standard in casi di disabilità molto particolari (es. uso della scrittura con movimento oculare, uso di tastiere a scansione governate da pulsanti, ecc…)
In ATLAS il tempo aggiuntivo viene erogato automaticamente, mentre per AICE bisogna seguire le istruzioni descritte nel capitolo 9.2 del “Manuale operativo del test center AICE”
Si fa presente anche che ATLAS e AICE sono inaccessibili agli screen reader utilizzati dalle persone non vedenti.
Per questa modalità occorre l’ autorizzazione da parte di ASPHI.

Modalità manuale con tempo aggiuntivo

(per compensare il tempo necessario alla gestione degli ausili)
La modalità manuale deve essere scelta solo da candidati che usano ausili o strumenti compensativi che non riescono ad accedere ad ATLAS. (ad esempio tutti gli screen reader o gli ingranditori che usano le persone con problemi visivi, le sintesi vocali che usano le persone con DSA, ecc… )
Con questa modalità, è possibile concedere, oltre il tempo standard per la certificazione, un tempo extra pari a:
– 15 minuti in più rispetto al tempo standard per persone con una sola disabilità;
– 30 minuti in più rispetto al tempo standard per persone con più di una disabilità.
– 45 minuti in più rispetto al tempo standard in casi di disabilità molto particolari (es. uso della scrittura con movimento oculare, uso di tastiere a scansione governate da pulsanti, ecc…)
In questa modalità tutti gli ausili, gli screen reader e le sintesi vocali funzionano correttamente e possono essere usati durante gli esami previa autorizzazione.
Per questa modalità occorre l’ autorizzazione da parte di ASPHI e siccome occorre la correzione centralizzata il risultato dell’esame si conosce solo circa 30 giorni dopo l’esame.

Modalità con l’uso del proprio computer

Il computer è già personalizzato in modo adeguato alla disabilità del candidato. Per candidati che usano ausili informatici particolari o computer con una personalizzazione molto complessa, c’è anche la possibilità di usare il proprio computer  per svolgere l’esame con o senza tempo extra.
Per questa modalità occorre l’ autorizzazione da parte di ASPHI.

Modalità con la presenza di un interprete della lingua dei segni

Solo per persone sorde segnanti. L’interprete, che deve essere una persona qualificata (possibilmente iscritto al registro dell’ANIMU o dell’ANIOS), solo se richiesto dal candidato, tradurrà  in questa lingua le domande del test di esame.
Per questa modalità occorre l’ autorizzazione da parte di ASPHI.

Consigliamo di consultare anche le seguenti pagine

Per chiarimenti o ulteriori informazioni compilare il modulo richiesta Informazioni.